Immacolata

Così ti vede lo Spirito


Voglio raccontarvi un'esperienza. Per favore leggete: voglio sappiate la Bellezza senza fondo e purissima con cui ci vede lo Spirito.


Qualche tempo fa, al risveglio, è accaduto qualcosa di straordinario. Ero ancora sonnolenta, gli occhi chiusi. Mi è apparsa l’immagine di me forse di qualche anno più giovane ma comunque adulta: non era una foto né un evento che ricordi, non saprei il contesto, non l’ho notato.

Vedevo il viso, i capelli corti, ben tagliati: a quella vista, improvvisamente mi è preso un senso di bellezza folgorante, mi sono sentita invadere dalla bellezza tutto il corpo, ogni cellula. In me, trasalita, è emerso il commento: “Come sei bella...”.


Era estatico, disarmante. Vedevo, sapevo, con gli occhi purissimi dello spirito (c’è sempre, in questi giorni e in queste esperienze, questa sensazione di “bianco”).

Era una bellezza indicibile, impersonale, non mi vedevo pensando “sono io”, seppure sapendo che ero io, non c’era concetto alcuno, appropriazione alcuna.


Ho avvertito subito la paura di perdere questo miracolo, e la tendenza a non abbandonarmici. Non mi abbandono al “bello” perché ho paura di perderlo.

Era estasi. Diversa dalla meraviglia perché nella meraviglia crediamo sia merito dell’oggetto, mentre qui era dentro di me che si sprigionava il miracolo.


Qualcosa si era sostituito alla mia consapevolezza, anche a quella più "evoluta" o espansa.

Ho perso subito quell’immagine ma sono rimasta nell’incanto e ho provato a guardare con gli stessi occhi altre immagini di me che mi sono proposta: una era me gonfia di cortisone in terrazzo con la palla, da bambina (una foto che ricordo). Era come quando guardo senza concetti e senza mente, in nudità, ma invece di lasciar emergere una bellezza molto impalpabile, permettevo questa intensità interiore:

non vedevo con gli occhi materiali, pur vedendo la fisicità, vedevo con la purezza dello spirito e vedevo la bellezza dello spirito in quella.

Ho ancora la vibrazione di quell'intensità, inenarrabile. Nessuna immagine né parola esistono.

Così ti vede lo Spirito.

Maddalena