La vera pratica spirituale è la resa

Cercare è una forma di paura. Significa che abbiamo bisogno di capire, quindi di controllare.
Significa che la tua fede nel Disegno non è totale Siamo tornate.
È stata dura.

Si medita, si studia, si evolve. Ma la vera pratica spirituale è esattamente dove sei.
È la figlia che ha bisogno di te, il viaggio faticoso di ritorno, gli incoraggiamenti, mantenere l'an-coraggio all'eterno, sopra il relativo delle difficoltà, annegare le preoccupazioni in un mare non concettuale di pace.

L'altra notte, mentre la aspettavo, ho eliminato ogni aspettativa: crediamo di essere già senza, siamo donne mature, libere, evolute. Ma si può ancora togliere.

Credere che quei momenti dedicati alla figlia serviranno a lei, o a te: è ancora aspettativa.
Credere che porterà un risultato, e - ancora peggio - figurarsi quale: è ancora aspettativa.
Cercare: è ancora aspettativa.
Sentirsi utile: è ancora aspettativa. Cercare è una forma di paura. Significa che abbiamo bisogno di capire, quindi di controllare.
Significa che la tua fede nel Disegno non è totale. Non ti devi occupare di cercare. E nemmeno di capire.

Stavo seduta lì e mi sono detta: "Non otterrai niente. Né un buon karma, né lo sconto del peccati, né un risultato. E questo tempo è del tutto sprecato. Non esiste rimedio".
Per quanto sembri annichilente, non era rassegnazione: era espansione. Quando spingi così oltre l'inaccettabile alla mente egoica, accade il miracolo della Vita.
Nessuno scopo. Nessun rimedio. Nessun premio. Nemmeno il sentire vibrante dell'amore, che già ripagherebbe di tutto.
Nessuna ricompensa. Se l'amore deve trovare senso e la ricompensa di un'emozione forte, non è ancora amore. Si scopre che puoi superare ogni limite e concetto.
Che tutta quella dottrina sui bisogni personali, i desideri, le ambizioni, sul rispettare i propri limiti: sono storie. La Vita decide di portarti altrove. La crescita personale e, spesso, quella "spirituale", ti insegnano ad ascoltare ipotesi e desideri e trasformarli in obiettivi ed evoluzione.
La vera spiritualità è invece rinunciare a ogni ipotesi e desiderio personale. Arrendersi sempre di più. A ogni passo scopri che stavi ancora manipolando la Vita. Come un bambino che ha rubato caramelle e ne restituisce solo un pugno alla volta.
La Vita ti fa vuotare le tasche.

La spiritualità è tutto ciò che è, lì dove sei, quando smetti di dire la tua e di volerne trarre qualcosa.

Be totally naked, Maddalena

La vera pratica spirituale è la resa

Quando spingi così oltre l'inaccettabile alla mente egoica, accade il miracolo della Vita.
Nessuno scopo. Nessun rimedio. Nessun premio