Le due vergogne

Aggiornamento: 17 ott

La vergogna della verità originaria non si guarisce solo amando sé stessi, perché questo tiene nella narrazione: si guarisce riconoscendo che chi siamo, prima di ogni tradimento, è amore. Accettando tale amore. La verità cui dovete arrendervi non è quella persona ferita, quella bambina non compresa, quella dolcezza non colta: è quell’amore in cui questa storia si è creata.



Ogni volta che vi falsate, che tradite l'intima, viscerale verità di chi siete, portate in voi due vergogne.

La prima vergogna è quella di essere chi siete. La seconda vergogna è di non essere chi siete.

Quando l'ambiente in cui avete scelto di venire al mondo vi ha fatte sentire inadeguate, avete compiuto ingenuamente il primo tradimento. Il tradimento ricevuto dall'ambiente l'avete interiorizzato, avete chiuso il cuore originario, la sua purezza. Vi siete vergognate per la sua apparente inadeguatezza.

Questa è la prima vergogna.

Ma dacché dovevate sopravvivere vi è servito diventare qualcuno, qualcosa. Tutta la società funziona così. La famiglia non fa eccezione, è un piccolo gruppo sociale dove vi è stato anche detto di seguire i vostri desideri, se siete state fortunate, ma tali desideri erano già inquinati dalla necessità numero uno: essere qualcuno, concretizzare un senso, essere meglio, essere un po' più qualcosa, un po' meno qualcos'altro. Essere qualcuno che fa, che diventa, che. Fabbricarvi.

Da quel momento ogni tentativo è andato nel cercare di "funzionare".

Finché il senso terribile di mancanza, di inefficacia, di incompletezza, o perfino di tradimento o disperazione ha svelato che nessuna efficacia sarebbe mai bastata.

Con vostra sorpresa questo personaggio che avete imbastito non funziona. Ecco la seconda vergogna.

Quando parlo di verità di chi siete non mi riferisco alla bambina ferita, alle storie, al permettervi le emozioni e i "veri" desideri, alla personalità: tutto questo è venuto dopo. È stato una risposta alla verità originaria tradita.


Quella che non ha nome, né storia.

Quella, è il Silenzio che siamo. Quello, è l'Amore.


Allora con molto coraggio dovrete accettare di lasciar andare anche il modo in cui avete imparato a consolarvi, ad amarvi, a essere madri di voi stesse. Perché questo vi tiene ancora al sicuro dall'Amore dirompente che siete. Prima.

Be naked, go back to Before.

Maddalena


PS: entra mia figlia in studio. "Mamma, me la allacci?" Ha una catenella, le piace metterla un po' stretta, come il collare d'un cane. Le chiedo di chinarsi, i suoi capelli verde acqua confondono le mie mani. Allaccio quella fila di anelli metallici: "Spero che tu non abbia mai bisogno di essere qualcuno o qualcosa. Ti basta essere l'energia che sei".